NO alla #Violenza Sulle Donne: Il Video della Storia che ha Vinto il Nostro Concorso

Ogni anno in Italia vengono assassinate più di 100 donne, 7 milioni quelle che nella vita subiscono una violenza. In una realtà in cui il femminicidio è diventato un fatto quotidiano, vi proponiamo in occasione di questa giornata speciale la toccante storia vincitrice del nostro concorso “La vita è come un Film“. Oggi, infatti, è il 25 novembre: giornata istituita dall’Onu contro il #femminicidio. Oggi più che mai diciamo insieme #NO alla #Violenza sulle donne.

Ecco il testo della lettera vincitrice del concorso Compagnia Della Bellezza: “La Vita come un Film”

“Buonasera dal TG1, è stato ritrovato questa mattina nei pressi dei monti Cimini il corpo di Fabio Metelli, 48 anni, pregiudicato. Il cadavere presenta numerose ustioni e fratture. Dalle prime ricostruzioni è probabile che si tratti di una delle vittime del serial killer che sta seminando il panico tra i criminali della capitale”.

Addirittura? Se davvero seminassi il panico, tutti quei deficienti la smetterebbero di fare quello che fanno ed io non dovrei ucciderli tutti.

Invece lo fanno: picchiano mogli, stuprano le nostre figlie, danno fuoco a quelle che un tempo chiamavano “amore mio”.

La colpa di quel Fabio è stata quella di filmarsi mentre abusava di una ragazzina. Trovarlo è stato semplice, ma lo è stato ancora di più drogarlo, legarlo e bruciarlo. Alla fine l’ho preso a martellate e poi l’ho portato nel bosco per far mangiare i cinghiali, anche se ormai credo che si siano stufati di mangiare rifiuti umani.

Che si mettano l’anima in pace perché ce ne saranno molti altri, come ci sarà sempre l’uomo che deciderà se la moglie merita di vivere o morire. Ci saranno sempre i gruppi di ragazzi che stuprano a turno ragazzine indifese.

Ci sarò sempre io, l’eroina” e “l’assassina” che tenterà di proteggere quelle che non riescono a reagire, quelle che non vogliono vedere la realtà, quelle che hanno paura come la mia vicina, la parrucchiera, la barista, quelle come me.

P.s.
In una realtà in cui il femminicidio è diventato un fatto quotidiano, ho provato a vedere cosa potrebbe succedere se una donna diventasse spietata più degli uomini che insanguinano la quotidianità.

Giulia Benedetti

Salone: Letizia Segatori – Compagnia della Bellezza

Commenti

commenti