Asciugare i capelli come dal parrucchiere 

Asciugare i capelli non è cosa facile!
Quante volte, uscendo dal salone di bellezza, vi siete ritrovate a guardare allo specchio la vostra piega perfetta pensando un po’ disilluse: “Tanto quando li asciugherò io non verranno mai così bene…”?

Se la risposta è “quasi sempre” vuol dire che, forse, non vi è mai capitato di farvi una bella scorpacciata di consigli su uno dei momenti più importanti del rapporto donna-capelli: il momento dell’asciugatura della vostra chioma!

Cosa fare prima di asciugare i capelli

I segreti per una piega perfetta iniziano dalla scelta dello shampoo, perché, per assicurare maggiore protezione al capello, sarà prezioso l’uso di un prodotto idratante, che difenda i capelli dall’aggressività dell’asciugatura.

A questo punto, è importante essere certe che i capelli non presentino alcuna traccia di prodotti detergenti: se durante l’ultimo risciacquo doveste avvertire una sensazione di ruvido massaggiando la vostra chioma, allora potrete essere certe di aver lavato via ogni patina di balsamo che renderebbe, nel giro di ventiquattro ore, pesanti, se non addirittura sporchi, i vostri capelli.

Potrete adesso iniziare ad asciugarli.

Asciugare i capelli più velocemente

Se non volete perdere intere ore per asciugare i vostri capelli non potete impugnare il phon senza aver prima tamponato i capelli con un asciugamani, possibilmente in microfibra, che rispetta la delicatezza della capigliatura, senza privarla dei suoi oli naturali e assorbendone l’umidità, scongiurando l’effetto crespo: questo step servirà ad asciugare i capelli più velocemente e a evitare di “bollirli”, come avviene usando direttamente il phon sui capelli zuppi.

Ricordate di premere il telo con delicatezza senza mai stropicciare o frizionare con troppa forza la chioma: rischiereste di spezzare i capelli e di formare le odiate doppie punte.

Liberate poi la chioma all’aria permettendo all’umidità di evaporare naturalmente.

L’ideale, soprattutto nelle stagioni più calde, sarebbe aspettare che i capelli si siano asciugati almeno per il 50% e, solo dopo, procedere al brushing con spazzola e phon. 

Asciugare i capelli con il phon e la spazzola

Quando si accende il phon è il momento di decidere che piega (letteralmente!) devono prendere i capelli!

È consigliabile una pre-asciugatura, con il phon, da eseguire a testa in giù senza trascurare la nuca, iniziando a riempire di volume la chioma, sollevandola alle radici.

Ricordate sempre che il phon a una temperatura troppo alta potrebbe danneggiare i capelli, rendendoli secchi e favorendo la formazione di doppie punte e di capelli secchi, quindi il getto d’aria dovrà essere regolato al massimo, nella fase iniziale, per poi diminuire man mano che sentiremo i capelli sempre più asciutti.

Un piccolo segreto di bellezza per ottenere capelli morbidi e luminosi è quello di iniziare la piega utilizzando le dita per poi passare all’utilizzo della spazzola per guidare il movimento delle ciocche, partendo dalla zona frontale del capo, per poi passare ai lati, alla parte superiore e concludere con la nuca.

Quale spazzola e prodotti scegliere per asciugare i capelli?

Quelle tonde sono perfette per creare volume e morbidezza, mentre quelle piatte solo l’ideale per lisciare perfettamente i capelli.
Le spazzole devono, in ogni caso avere setole naturali, poiché quelle sintetiche potrebbero elettrizzare i capelli.
Per approfondire questo aspetto, però, potete dare un occhio al nostro articolo sui segreti per spazzolare i capelli.

Una buona mossa potrebbe essere quella di applicare un prodotto per lo styling adatto alla vostra tipologia di capello e studiato per l’effetto ricercato, o anche di un prodotto termo-protettivo che donerà ai vostri capelli una schermatura utile contro il caldo più aggressivo del phon.

Per i capelli sottili il nostro consiglio è di utilizzare uno spray volumizzante, che ne sostenga il corpo conferendo volume alla chioma, mentre per le chiome particolarmente folte occorrerà, invece, un balsamo leave-in, che riesca a contrastare l’effetto crespo.
Applicate questi prodotti con l’aiuto di un pettine a denti larghi, in legno, per poi passare alla lavorazione delle singole ciocche con le dita.  A fine procedimento, utilizzare l’aria fredda del phon regalerà luminosità ai capelli e fisserà la piega donandole un effetto ventilato e “spettinato-ricercato”.

Prodotti modellanti come gel e cere devono assolutamente essere riservati alla fine della fase dell’asciugatura, per non appesantire la consistenza e il volume del capello. Per idratare e lucidare la chioma in modo del tutto naturale, invece, possiamo optare per una goccia (ma proprio solo una goccia!) di olio per capelli..

Come asciugare i capelli

Se ogni momento della cura del capello è strettamente legato al tipo di movimento che ha, l’asciugatura non fa eccezione e, quindi, dovremo fare delle distinzioni di base. Solo così potremo rispettarne la natura e proteggerlo, evitando di non valorizzarlo o, addirittura, di danneggiarlo.

Asciugare i capelli ricci

“Ogni riccio un capriccio”, dice la saggezza popolare.

In un certo senso è proprio così, perché onde e boccoli, si sa, sono belli ma complessi da valorizzare e asciugare: una chioma riccia richiede una certa pazienza e una particolare cura.

Se avete del tempo a disposizione, potete ricorrere al cosiddetto plopping, metodo semplice e ideale per i vostri ricci: consiste nel raccoglierli, a testa in giù, in un panno di cotone (in casa può andare bene anche una t-shirt), che avrete prima disposto su un piano orizzontale, in modo che si arrotolino su se stessi seguendo le loro onde naturali, fermandola poi come un turbante.
A questo punto, arrotolate le parti eccedenti della maglietta e fissatele annodando tra di loro le maniche.

La posa dovrà durare un paio di ore, per poi passare all’asciugatura con il phon (ma potrebbe non essere necessaria, nel caso in cui si fossero già asciugati in questo lasso di tempo): con questo piccolo accorgimento potrete star certe che non vi sarà traccia di crespo!

Se proprio vi venisse voglia di utilizzare il phon, impiegatelo sempre per il minor tempo possibile e, possibilmente utilizzando un asciugacapelli agli ioni, che non danneggi le cuticole.

Dovrete poi armarvi di un diffusore e scegliere tra due tipi di risultato:

  • il primo, corposo ma non troppo voluminoso e indomabile, ottenibile asciugando i capelli a testa in su e direzionando il getto del diffusore, a velocità media, dall’alto verso il basso;
  • il secondo, certamente più vaporoso e animato, da realizzare ponendosi a testa in giù, con il phon regolato a una velocità medio-bassa.

In generale sarà meglio non toccare troppo la capigliatura, per evitare di “sciogliere” i boccoli e perderne l’elasticità e di seccare le punte: l’unico approccio consentito e che, anzi, agevolerà la morbidezza delle onde, sarà quello di raccogliere e stringere via via le ciocche.

Il risultato, però, non è assicurato…
Asciugare i capelli con il diffusore richiede una certa maestria e qualche “trucco del mestiere”.

Un’altra possibilità è quella di adottare la tecnica del clipping, che consente di dare volume alla parte alta della testa e scongiurare l’effetto piatto e spento, incubo di tutte le donne ricce. Per realizzarlo vi serviranno dei becchi d’oca che fissino morbidamente i singoli boccoli sollevandone le radici e privandoli della pesantezza che graverebbe su di loro lasciandoli semplicemente cadere giù.

Asciugare i capelli lisci

Anche asciugare i capelli lisci richiede delle attenzioni particolari: vediamo quali.

È consigliabile partire sempre dalle radici, senza sollevarle, e applicare il bocchettone direzionando il getto del phon verso le punte, per assecondarne la linea. Un brushing super-liscio sarà facilitato dall’impiego del bocchettone, che dirigerà più agevolmente il getto d’aria verso la zona tratta e non scompiglierà la chioma, specie se utilizzerete una spazzola (piatta per un effetto liscissimo o tonda, per una piega più corposa). In entrambi i casi, la procedura sarà la stessa: dovrete tirare le ciocche con la spazzola, porle a favore del phon e srotolarle con delicatezza, direzionandole verso il basso.

Prestate sempre attenzione a muovere costantemente phon, impostato a una temperatura massima e mantenuto a una distanza di circa 15 cm., per non correre il rischio di bruciare i capelli e sfibrarli.

Per creare volume alle radici, una volta arrotolato il ciuffo, dovrete mantenerlo in posa per qualche secondo sotto il getto d’aria e liberarlo lentamente mantenendolo perpendicolare alla testa.

Prodotti specifici per i capelli lisci vi aiuteranno a far durare la piega: mousse, spray e creme liscianti, se applicate prima dello styling, proteggeranno la chioma dal calore, dall’umidità e non li faranno elettrizzare.

Asciugare capelli fini

Un capitolo a parte va dedicato all’asciugatura dei capelli fini e sottili, perché sono particolarmente delicati e sensibili.

Necessiteranno, quindi, della costruzione di una struttura che li sorregga senza farli apparire radi o poco vitali.

Importantissima risulterà la fase della pre-asciugatura, in quanto vi consentirà di limitare l’utilizzo del phon.
Andranno districati con un pettine a denti larghi, che non li aggredisca e non li spezzi, mentre dovrete fare attenzione a mantenere morbide le radici, tenendo la ciocca che state pettinando tra le dita.

Asciugare i capelli al naturale

Se opterete per un’asciugatura al naturale, non dovrete usare prodotti volumizzanti, in quanto studiati specificamente per lo styling che accompagna l’uso dell’asciugacapelli.

Piuttosto, sollevateli alle radici con dei becchi d’oca e lasciateli asciugare in posa così.

Se, invece, volete usare il phon, questo deve essere impostato a una temperatura media e per donare volume soprattutto aiutato, appunto, da prodotti volumizzanti applicati alle radici.

Nonostante sia sempre consigliabile non esagerare con i prodotti per lo styling per non sporcare i capelli, il gel effetto bagnato completa nella maniera migliore la messa in piega dei capelli fini corti, mentre quello a forte tenuta è perfetto per quelli lunghi.
Nel caso in cui voleste usare la lacca, ricordate di prestare sempre attenzione a sollevare le radici e a direzionare lo spray sotto le ciocche, per evitare di appesantirli.

Sfidate il crespo con un asciugatura perfetta

Ci sono sicuramente molte cose da ricordare ma, una volta compreso ciò di cui hanno bisogno i vostri capelli, sarà del tutto naturale prendersene cura e asciugare i capelli rientrerà di diritto tra i rituali di bellezza che preferirete

Quindi, non scoraggiatevi e sfidate il crespo con spavalderia, senza dimenticare che è bello anche concedersi le cure e le coccole che potete trovare solo presso i nostri saloni di bellezza, pronti ad ascoltare e ad assecondare con la massima attenzione le esigenze dei vostri capelli.

Commenti

commenti